marzo 29, 2019

La legge di Bilancio 2019 e l’autotrasporto

La Legge di Bilancio 2019 introduce alcune importanti novità nel settore dell’autotrasporto.

I commi 1049 e 1050 dell’articolo 1 vanno a modificare il Codice della Strada permettendo alle officine private con mandato quinquennale di effettuare revisioni sui veicoli pesanti, ovvero aventi massa superiore alle 3,5 tonnellate, escludendo però quelle addetti al trasporto di merci pericolose o prodotti deperibili a temperatura controllata.

Grazie a questa modifica, gli autotrasportatori potranno contare su una risorsa in più su un aspetto così importante per la sicurezza come la revisione dei veicoli e al contempo ne potranno trarre beneficio anche i meccanici, ampliando il loro bacino di clienti.

La Legge di Bilancio 2019 va a toccare un tasto molto sensibile per il settore: il turn over del personale. Oggi sono pochi a voler intraprendere la professione dell’autotrasportatore, specie i giovani: nonostante uno stipendio interessante, il lungo iter burocratico, i costi per patente, formazione e abilitazione, e la continuata lontananza da casa scoraggia molte persone, lasciando il settore bisognoso di nuove assunzioni.

I commi dal 291 al 295 della Legge di Bilancio stabiliscono una serie di incentivi per favorire l’inserimento alla professione di conducente di camion, in particolare un rimborso del 50% sulle spese sostenute per conseguire la patente per i mezzi pesanti e le abilitazioni necessarie per esercitare la professione.

Quest’agevolazione è però limitata a chi ha meno di 35 anni e viene poi assunto con regolare contratto di lavoro presso un’azienda di trasporto merci per conto terzi con inquadramento Q1, Q2 o Q3. Il rimborso verrà erogato dall’impresa, che a sua volta godrà di una detrazione di imposta fino a 1.500 euro all’anno.

In questo settore così bisognoso di personale viaggiante, è importante avere un team di professionisti:  i dipendenti di Rota Trasporti hanno un’esperienza pluriennale e un’abilitazione di categoria  3° Livello Super, che permette loro di affrontare ogni spedizione con competenza e professionalità. La loro formazione e preparazione viene costantemente migliorata con un percorso di continuo aggiornamento.

La Legge di Bilancio 2019 conferma che non ci saranno variazioni sul credito di imposta delle accise: nell’anno precedente era stato infatti proposto un taglio del 15% che è stato scongiurato. Sempre su questo tema, è stata mantenuta l’accisa anche sui veicoli Euro 3, dopo aver ventilato l’ipotesi di escluderli dal credito di imposta per incoraggiare le aziende a cambiarli in favore di mezzi più moderni e meno inquinanti. Grazie agli sforzi di Confartigianato Trasporti, è stato mantenuto il 100% delle accise e dei veicoli.

Sono anche stati confermati 240 milioni di euro per le risorse strutturali del 2019, ripartiti su pedaggi, deduzioni forfettarie per spese non documentate, SSN, formazione e investimenti per l’acquisto di nuovi mezzi.

In un settore in crescita e stimolato dalle iniziative statali, è importante trovare un partner esperto e competente a cui affidare le proprie spedizioni: Rota Trasporti opera da 70 anni sulla strada, garantendo sempre professionalità e puntualità. Contattaci per sapere di più.

 

News Trasporti